CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Zaia uomo dell'anno per Italia a Tavola

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Zaia uomo dell'anno per Italia a Tavola

Stampa E-mail

(www.enopress.it). Per l'enogastronomia e la ristorazione - Come risulta da un importante sondaggio condotto da Italia a Tavola (www.italiaatavola.net) che ha raccolto le preferenze di mille operatori della filiera agroalimentare italiana, invitati ad esprimere un voto in forma anonima sulla figura che nel 2008 ha meglio rappresentato il settore - Sul riconoscimento al ministro Zaia e sulla sua iniziativa a favore del 'mangia e bevi italiano, pubblichiamo, inoltre, l’editoriale del direttore di Italia e Lombardia a tavola, Alberto Lupini, dal titolo "Complimenti a Luca Zaia, uomo dell'anno di "Italia a Tavola". Ma l’ananas lo mangiamo comunque..."
All' argomentazioni del minostro Zaia,  due giorni giorni fa Enopress ha dedicato ampio spazio ed oggi torna volentieri con le notizie e gli approfondimenti che seguono

 

Anteprima

 

Enogastronomia e ristorazione: Luca Zaia uomo dell’anno 2008
"
Luca Zaia, ministro delle Politiche agricole, è l’uomo dell’anno 2008 per il settore dell’enogastronomia italiana e del Made in Italy a Tavola. A decretarlo è un sondaggio svolto su un selezionato panel di lettori di "Italia a Tavola", la prima rivista italiana con diffusione certificata nel mondo della ristorazione. Mille operatori della filiera agroalimentare italiana (dai produttori ai cuochi) sono stati invitati in forma riservata e anonima ad esprimere un nome che rappresentasse chi ha operato al meglio per il settore.

"Con indicazioni libere, senza cioè alcun nome prefissato, Zaia ha raggiunto il 52% dei consensi, superando personaggi del calibro di Gualtiero Marchesi (al secondo posto con un più che lusinghiero 12%, che conferma il Rettore di Alma come il padre nobile della Ristorazione italiana), Emanuele Lattanzi (il cuoco eroe di Mumbai, che ha raggiunto l’11%), i Nas con l’8%, la Procura di Siena (soggetto principe dello scandalo di Brunellopoli) con il 4%, L’Espresso (il settimanale che ha aperto il caso di "Velenitaly" e delle sofisticazioni del Vino) con il 3%, Andrea Sartori (il dinamico presidente dell’Unione italiana vini) con l’1%, Raffaele Alajmo (che propone un Forum dei ristoratori italiani) con l’1% e Matteo Scibilia (collaboratore di "Italia a Tavola") con l’1%. Seguono con indicazioni frazionate altri nominativi per un complessivo 7%.

"Dai numeri emerge un dato su tutti: il settore dell’enogastronomia riconosce in Luca Zaia il ruolo di un politico di cui da tempo si sentiva la mancanza. Qualcuno capace di rappresentare al meglio una filiera che dagli allevatori o dai produttori di Vino arriva fino ai ristoratori. Ugualmente significativa è l’affermazione di Gualtiero Marchesi, il Maestro che ha osato sfidare la sacra casta delle Guide sui ristoranti, a partire dalla filo-francese Michelin di cui ha messo in forse la credibilità. Al terzo posto, ben più di una piazza d’onore, Emanuele Lattanzi, l’eroe di Mumbai che ha portato alla ribalta il volto umano dei cuochi italiani che lavorano all’estero.

"Degno di nota è poi il fatto che con un 9% totale il mondo del Vino (fra Procura di Siena, L’Espresso ed Andrea Sartori, più come enti in verità che come persone fisiche) si collochi al 4° posto, a conferma della sua importanza (che solo ipotesi peregrine come lo 0,2% di limite di alcol per guidare potrebbe mettere in seria crisi…). Ugualmente importante è l’8% di indicazioni per i Nas, a riprova di come sia apprezzata l’attività di controllo e repressione delle frodi alimentari. Da notare, infine, come le uniche personalità che emergono sono poi quelle di Raffaele Alajmo (che ha goduto di grande attenzione mediatica) e di Matteo Scibilia, entrambi soggetti attivi di iniziative (non perfettamente coincidenti, anzi per molti versi alternative) per dare ruolo e peso sociale al settore della ristorazione."

Complimenti a Luca Zaia, uomo dell'anno di "Italia a Tavola". Ma l’ananas lo mangiamo comunque...
Da anni non c'era un ministro delle Politiche agricole così attivo, scrive Alberto Lupini nel suo editoriale pubblicato sa Italia a Tavola che così commenta le iniziative del ministro.

"Obama è l’uomo dell’anno per il "Time" mentre calciatori o campioni olimpici più o meno celebrati lo sono per i giornali sportivi. Nel nostro piccolo ci piace chiudere l’anno indicando nel ministro Luca Zaia il politico che più di tutti ha saputo affrontare con rigore e decisione alcune questioni spinose del mondo agroalimentare. A cominciare dalla lotta alle sofisticazioni e alle truffe che, anche per suo impulso, hanno fatto guadagnare all’Italia la prima posizione in Europa per numero di controlli e sequestri andati a buon fine. Da questo punto di vista non c’è nulla aggiungere: da anni non c’era un ministro delle Politiche agricole così attivo e, soprattutto, così competente e capace di dare visibilità alle sue azioni.

"Basterebbe scorrere l’elenco delle notizie pubblicate sul nostro quotidiano on line. Su circa 6.500 articoli presenti nel data base di www.italiaatavola.net da marzo a oggi, quasi 240 lo riguardano direttamente. Un vero record. Tanto più che, salvo qualche piccola contestazione di cui parleremo, sono quasi tutte notizie in positivo. Per il settore e per la sua immagine. Dalla risoluzione dell’annosa questione delle quote latte (dove Zaia deve solo confermare a gennaio la risolutezza fin qui mostrata obbligando al pagamento delle multe previste chi negli anni scorsi ha sgarrato facendo concorrenza sleale agli allevatori onesti) a quella dei contributi per la pesca, dalla grana del Brunello di Montalcino (dove ha fermato con rara perizia l’arroganza di chi pensava di ignorare le norme che si era dato…) agli interventi a favore della mozzarella dopo lo scandalo della diossina, non è passata settimana in cui Zaia non sia stato protagonista in positivo. Magari con interventi non sempre condivisi da tutti, ma certo concreti ed efficaci.

"Un modo di fare che ha contribuito non poco a salvare l’immagine dell’enogastronomia e della ristorazione italiana, tanto che la gran parte dei nostri lettori, che abbiamo informalmente interpellato, non ha avuto dubbi nell’indicarlo come il personaggio di maggiore rilievo nel settore. Un livello di gradimento che ha avuto effettivi positivi anche su quello più generale del Governo e del suo partito. Un giudizio che "Italia a Tavola" è lieta di fare suo, trovando fra l’altro in ciò piena conferma dell’apertura di credito che gli avevamo dato al momento del suo insediamento. Proprio perché onorati di annoverarci fra i suoi sostenitori, presentiamo al ministro anche due osservazioni, certi che saprà coglierne lo spirito di collaborazione che ha finora caratterizzato i nostri rapporti.

"La prima riguarda il suo sostegno alla ingiustificata volontà politica di adottare la misura dello 0,2% di limite di alcol per poter guidare. Gli chiediamo in particolare di tenere della posizione della "Tavola della comunicazione alimentare italiana" a cui ci rifacciamo (vedi articolo Alcol e guida: i giornalisti della "Tavola" respingono la logica della tolleranza zero), sulla quale ci piacerebbe avere un suo parere. Lo invitiamo fra l’altro a tenere conto dell’enorme opposizione suscitata nel Paese reale (basterebbe vedere i "No" espressi su Facebook, ambiente pure assai frequentato dal ministro). La seconda osservazione riguarda invece la crociata contro l’ananas. È una posizione che non condividiamo, anche se comprendiamo e apprezziamo le motivazioni di fondo, per il solo fatto che l’Italia non produce ananas, che è invece prodotto in Paesi che magari non producono prosciutto, Vino o formaggio. Se anche fra quei produttori passasse la stessa logica potremmo rischiare di farci davvero del male…

"Per concludere ricordiamo con amicizia a Luca Zaia che siamo ancora in fiduciosa attesa di una risposta positiva all’appello che "Italia a Tavola" ha lanciato per un riconoscimento pubblico per l’atto eroico del cuoco Emanuele Lattanzi a Mumbai. Sarebbe il modo migliore per chiudere in bellezza un 2008 che definire difficile è un eufemismo, tenendo anche conto delle indicazioni che emergono dal nostro sondaggio. E analogamente si può dire per Gualtiero Marchesi, per il quale abbiamo da tempo avanzato la proposta di un atto delle istituzioni che premi il ruolo svolto per la nostra Cultura e per la Ristorazione italiana. Ricordiamo solo che fra tanti Cavalieri del lavoro, in qualche caso discutibili o inutili, non c’è un solo cuoco…"

Alberto Lupini
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Edizioni Contatto srl, via Piatti 51 - 24030 Mozzo tel 035 460563 - 035 615370 - fax 02 700557702 Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo www.italiaatavola.net

Enogastronomia e ristorazione: Luca Zaia uomo dell’anno 2008

L’editoriale di Alberto Lupini: Complimenti a Luca Zaia, uomo dell'anno di "Italia a Tavola". Ma l’ananas lo mangiamo comunque... Saremo lieti se vorrete riservare il massimo rilievo alla notizia, informandoci qualora ne diate pubblicazione.

http://www.italiaatavola.net/editoriale.asp?cod=6904

 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI