CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Vendemmia 2010, prime previsioni dalla indagine Ismea

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Vendemmia 2010, prime previsioni dalla indagine Ismea

Stampa E-mail
Per la campagna 2010/11 si stima una crescita contenuta nei limiti del +5%, che potrebbe riportare i volumi a superare 46 milioni di ettolitri. Sarà comunque da valutare, a fini quantitativi, l’incidenza rappresentata dalla vendemmia verde, misura attivata per la prima volta proprio quest’anno, così come il rischio patogeni in diverse aree causa l’umidità. Nel complesso il Vigneto Italia si presenta in salute e la qualità è buona.
Vendemmia 2010, prime previsione dalla indagine Ismea

Le stime produttive per la prossima vendemmia sembrerebbero indicare una crescita rispetto allo scorso anno, con un aumento comunque contenuto entro i limiti del 5%. Se così fosse, in volume assoluto, la campagna 2010 potrebbe tornare sui livelli del 2008 e superare quota 46 milioni di ettolitri. Secondo i dati Istat nel 2009 la produzione vinicola si era invece fermata a 45,4 milioni di ettolitri. Attesa, in media, una qualità buona. È quanto emerge da una prima ricognizione sullo stato dei vigneti della Penisola, svolta da Ismea e Unione Italiana Vini, nella prima decade di luglio.

La cautela è, comunque, d’obbligo perché come di consueto per gli esiti produttivi saranno determinanti la fine di luglio e il mese di agosto. Ci sarà, infatti, da valutare quanto le riserve idriche accumulate durante l’inverno risulteranno sufficienti a contrastare l’attuale ondata di caldo e in che misura si riuscirà ad arginare i potenziali attacchi dei patogeni - un rischio in molte aree a causa dell’umidità - ad oggi tuttavia ben controllati.
Quest’anno sugli esiti della campagna inciderà anche la variabile legata agli effetti della vendemmia verde, attivata per la prima volta, che di fatto va a togliere materia prima dal circuito produttivo. La misura si aggiunge poi alla riduzione delle superfici vitate determinata dalle estirpazioni con premio. Nel 2010 sono state accolte domande per 10.741 ettari che si vanno ad aggiungere a quelle per gli 11.571 ettari dello scorso anno. In molte aree, inoltre, aumenta la consuetudine di ricorrere al diradamento per fini qualitativi.

Una caratteristica che accomuna il Vigneto Italia di quest’anno è il ritorno a un calendario “normale”, dopo gli anticipi del 2009: il freddo rigido che ha contraddistinto il lungo e piovoso inverno ha infatti rallentato lo sviluppo vegetativo, determinando uno slittamento in avanti, rispetto allo scorso anno, di quasi tutte le fasi fenologiche.

Scendendo nel dettaglio regionale si osserva una sostanziale omogeneità all’interno delle diverse macro-aree nazionali. Nel Nord, infatti, quasi tutte le regioni si collocano, al momento, su livelli produttivi uguali o leggermente superiori alla campagna scorsa. Previsioni in linea con il 2009 anche per il Centro, ad eccezione delle Marche, dove, come in larga parte delle regioni meridionali, si stima un recupero, almeno parziale, delle perdite subite lo scorso anno. Al generalizzato incremento del Sud sembrano, tuttavia, sottrarsi le produzioni delle due isole maggiori.

In Veneto (=) l’andamento meteo, caratterizzato da un inverno particolarmente rigido e poi da una primavera piovosa, ha influito sullo sviluppo vegetativo: regolare nelle sue diverse fasi, ma con un ritardo di oltre una settimana rispetto al 2009. Il caldo di fine giugno e degli inizi di luglio potrebbe, comunque, favorire un certo recupero.
Lo stato fitosanitario del vigneto non registra, ad oggi, situazioni particolarmente critiche, anche se le abbondanti piogge che si sono protratte per gran parte del mese di giugno hanno causato qualche difficoltà all’esecuzione dei trattamenti. Continua a essere alta l’attenzione per la peronospora, comunque controllata, mentre destano preoccupazioni gli attacchi di botrite.
 
Fonte: Unione Italiana Vini
 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI