CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Un regolamento unico per i fitofarmaci

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Un regolamento unico per i fitofarmaci

Stampa E-mail
«I Comuni dell’area del Prosecco adottino un regolamento comune sull’uso dei fitofarmaci in viticultura, mutuandolo da quello di Conegliano».
È la proposta che Paolo Giandon, dirigente Arpav, lancerà domani da Pieve di Soligo a conclusione della sua relazione durante il dibattito promosso da PaesAgire sul tema “Dal verderame all’iridescenza del fitofarmaco. I vigneti oggi e le conseguenze su ambiente, salute, paesaggio. Che cosa possono fare i Comuni?”, che si terrà alle ore 20.45 all’auditorium Battistella Moccia.
A confrontarsi sulla questione, oltre a Giandon, ci saranno Alberto Maniero, sindaco di Conegliano, Ivo Nardi, amministratore della Cantina biologica Perlage di Soligo, Federico Peres, avvocato e docente universitario di diritto dell’ambiente, Giancarlo Vettorello, direttore del Consorzio Tutela del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene e Bernadino Zambon, sindaco di Valdobbiadene.
dsc00356.jpg

Nel “Regolamento di igiene per la tutela della salute pubblica, veterinaria e dell’ambiente” del Comune di Conegliano infatti ci sono norme precise riguardanti la produzione, lo stoccaggio, l’acquisto, la vendita e soprattutto l’uso dei fitofarmaci, che non deve essere in contrasto con la salute delle persone e dell’ambiente.
E dato che i sindaci dei Comuni della zona del Prosecco – è il ragionamento di Giandon – hanno più volte manifestato l’intenzione di mettere a punto e adottare un regolamento uguale per tutti, anche sulla scia dell’allarme creato da un uso che all’opinione pubblica appare troppe volte smodato, potrebbero partire proprio da quello di Conegliano che, tra le tante indicazioni, all’articolo 17, vieta di effettuare i trattamenti con atomizzatori e nebulizzatori dopo delle 7.30 e prima delle 19.00 e obbliga a mantenere una distanza di almeno 20 metri dal confine della proprietà.
Quanto all’utilizzo dell’elicottero per irrorare le zone impervie, ci ha già pensato la nuova direttiva europea del 21 ottobre scorso a mettergli un freno, stabilendo che esso può essere autorizzato solo in “casi straordinari”.
Proprio la direttiva europea, che dovrà essere recepita dallo Stato italiano entro 18 mesi, sarà al centro della relazione di Giadon, che spiegherà i nuovi limiti dell’uso dei fitofarmaci in essa contenuti: dall’obbligo della formazione degli operatori e dell’informazione all’opinione pubblica al controllo delle attrezzature per la distribuzione e, soprattutto, all’indicazione che vincola gli stati membri UE ad adottare tutte le misure per ridurre al minimo l’uso dei pesticidi mediante tecniche di difesa integrata (il diserbo fatto meccanicamente, la lotta ai parassiti effettuata con le trappole a feromoni, etc.).
Il dibattito promosso di PaeaAgire non mancherà di far discutere.

PaesAgire, nella sua riflessione multidisciplinare sul paesaggio, prosegue quindi il 12 dicembre con la visita guidata al cantiere delle “Case Sabin”, edifici passivi che producono tanta energia quanta ne consumano, per concludersi nella sua prima parte il 15 dicembre con il dibattito sul Piano casa e la sua compatibilità paesaggistica e ambientale. La manifestazione riprenderà quindi a gennaio, con un carnet ricco di eventi.
PaesAgire gode del patrocinio della Provincia di Treviso, della Comunità montana delle Prealpi Trevigiane, dell’Università IUAV di Venezia, di Unindustria Treviso, degli ordini degli Ingegneri e degli Architetti della provincia di Treviso, del FAI - delegazione di Treviso, e può contare su generosi sponsor privati come Gruppo Euromobil e Banca Prealpi Credito Cooperativo e sulla collaborazione dell’Associazione Culturale Careni.
 
fonte:trevisopress.it
 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI