CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Peccati di Golosa, in attesa del vincitore della rassegna

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Peccati di Golosa, in attesa del vincitore della rassegna

Stampa E-mail
Terminata la rassegna gastronomica dello spiedo, solidale con le persone down
Grande successo della rassegna con ospiti illustri, dalla quale emerge la richiesta di insegnare l’arte dello spiedo nelle scuole alberghiere
spiedo.jpg

Con l’ultima serata alla Locanda ai Archi di Col San Martino di sabato 10 aprile si è conclusa “Peccati di golosa”, la rassegna gastronomica dello spiedo, solidale con le persone down. Nella serata degli sponsor di giovedì 8 aprile hanno partecipato tra gli altri anche Luigi Gandi, volto noto di Antenna 3 e il professor Luca Antonini, volto meno noto, ma cruciale in questo momento storico: sarà lui a scrivere materialmente le nuove regole del federalismo fiscale che sarà applicato in Italia prossimamente secondo le direttive del Governo.
I tredici ristoranti ed agriturismi aderenti all’iniziativa hanno visto affluire nei loro locali oltre 1.000 partecipanti durante le 13 serate che hanno allietato i colli di Valdobbiadene, Farra e Miane durante 6 fine settimana.
Comprensibile la soddisfazione dei ristoratori che hanno dovuto rinunciare a molte prenotazioni, data l’elevata affluenza. Molto soddisfatta l’Associazione Italiana Persone Down sezione della marca trevigiana, che ha potuto toccare con mano la solidarietà dei molti trevigiani e non trevigiani che hanno partecipato alle serate, e che è riuscita a spiegare la propria attività ad un vasto pubblico sempre molto attento. Molto soddisfatta anche l’Accademia dello Spiedo d’Alta Marca, che, stilando l’amichevole classifica dei 13 ristoratori, sta contribuendo ad innalzare la conoscenza e la divulgazione dell’arte dello spiedo.
“L’arte dello spiedo andrebbe insegnata anche negli istituti alberghieri – commenta Marco Prosdocimo, socio dell’associazione organizzatrice, Le Ciacole di Valdobbiadene, e assessore provinciale all’Agricoltura – Questa rassegna ha avuto il preciso scopo di promuovere l’arte dello spiedo che caratterizza le colline della pedemontana trevigiana; i testimoni di quest’arte sono i nostri ristoratori, che la tramandano poi ai figli. Questa trasmissione di saperi andrebbe supportata anche dalle scuole alberghiere: è la nostra storia, è la nostra tradizione culinaria. Dietro ci sono centinaia d’anni di esperienze e conoscenze, come l’Accademia dello Spiedo d’Alta Marca ha ben evidenziato con il suo libro «Spiedo d’Alta Marca». La formazione va ad accrescere la capacità di accoglienza dei nostri ristoratori, che sempre di più sono i testimonial del territorio”.
Marco Vanzin, presidente dell’associazione Le Ciacole, sottolinea il carattere solidale della rassegna: “l’affluenza, l’assalto a riempire i maialini salvadanaio ci rendono orgogliosi di aver scritto una bella pagina di solidarietà a chi è in difficoltà e a chi ci sta vicino, al nostro prossimo. Ricordo che gli espositori con i maialini salvadanaio saranno esposti ancora presso i 13 ristoratori dei “Peccati di Golosa” ancora fino al 25 aprile”.
Ora l’attenzione è tutta rivolta al 25 aprile, giorno di San Marco, quando saranno svelati i nomi dei primi tre qualificati durante il pranzo di Spiedo presso il Centro Polifunzionale di Vidor. Si prevede una affluenza consistente. Saranno premiati i primi tre qualificati, ma la giuria ci tiene a far sapere che la qualità media è alta e che i distacchi sono di pochi punti. Inoltre saranno anche premiati tre partecipanti alle serate dei “Peccati di Golosa” estratti a sorte: in palio tre ceste di prodotti “made in Treviso”.
Forte è anche l’attesa per sapere se Luca Zaia, presidente della nostra Regione Veneto, sarà presente alla manifestazione. La Regione di fatti contribuisce all’iniziativa “Mi son Veneto” che valorizza sì la tradizione gastronomica, ma anche la cultura, la storia ed il teatro in lingua veneta. Ricordiamo infatti che l’evento "Mi son Veneto" prevede 3 appuntamenti (vedi anche www.misonveneto.it):
“Veneto sull’orlo dell’abisso” dibattito condotto da Luigi Gandi del 23 aprile, palazzo Celestino Piva a Valdobbiadene: cultura, storia e attualità veneta.
“L’albergo del libero scambio” commedia veneta con la Compagnia La Contrada presso Teatro Magno a Castelbrando di Cison il 24 aprile.
“Festa Veneta”: grande pranzo finale il 25 aprile presso il Centro Polifunzionale di Vidor con la possibilità di degustare lo spiedo dei 13 partecipanti alla rassegna “Peccati di Golosa”.

Un veneto tra veneti. Sarà l’occasione per festeggiare la giornata del nostro patrono, San Marco.
 

 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI