CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Le tracce della prova di maturitā: commenti dalla Regione al Ministero

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Le tracce della prova di maturitā: commenti dalla Regione al Ministero

Stampa E-mail
“Le tracce della prova di maturità hanno indicato quest’anno un tema affascinante, definito socio – economico, ma secondo me anche politico – filosofico. Siamo quel che mangiamo: una affermazione rispetto alla quale la scelta del cibo implica anche la scelta del futuro che vogliamo per noi e i nostri figli”. Franco Manzato, assessore all’agricoltura del Veneto, non solo si complimenta con la frase proposta tra le altre per il cosiddetto saggio breve, ma non ha dubbi: “se avessi rifatto quest’anno la maturità, la scelta sarebbe stata immediata: questo argomento è il fondamento della società che pretendiamo di costruire”.
“Noi viviamo nel mondo, nel nostro mondo e nel nostro territorio, ne siamo il frutto e i custodi, e anche i consumatori – ha affermato Manzato – là dove il cibo non è solo nutrimento necessario alla vita ma è ad un tempo evento culturale, piacere personale, occasione sociale, pratica salutista dalla quale dipende in gran parte il nostro equilibrio fisico. Di più, il cibo diventa occasione per esaltare le qualità del territorio stesso e per esprimere la nostra capacità di migliorarlo e migliorarne i prodotti. Un mondo di merendine e alimenti artefatti non è diverso dall’incubo di Metropolis. Un mondo monoculturale, fatto di sapori artificiali, grassi, proteine, carboidrati, sali minerali e così via ci ha dato più peso che benessere, ci ha ingrassato ma non ci ha nutrito, ci ha tolto il piacere della convivialità e la possibilità di apprezzare le sfumature del gusto. Un sistema del genere, proprio perché siamo ciò che mangiamo – ha continuato Manzato – mette in difficoltà i produttori primari di cibo: gli agricoltori, combattuti tra una mondializzazione che avanza nel segno dell’omogeneità a basso prezzo e dalla voglia di stare sul mercato producendo con orgoglio alimenti di gran lunga migliori, vari, caratteristici, tradizionali, di stagione, compatibili con il territorio stesso”.
“Io spero proprio che la traccia della maturità – ha concluso l’assessore – diventi occasione per una riflessione generale e per riappropriarci, tutti quanti, della consapevolezza che dobbiamo reimparare a mangiare. Spero che la proposta sia stata scelta da molti studenti e che tra le loro considerazioni compaia l’importanza del prodotto alimentare a km zero. Per quanto mi riguarda, nella riforma che ho avviato per l’agricoltura veneta darò un’attenzione particolare alle esigenze di qualità e salute proprio tra i ragazzi”. Il riferimento dell’assessore va alla presenza di prodotti locali e controllati nelle mense scolastiche e non solo: “è un quadro delineato dalla nostra legge sulle produzioni a km 0, che nel voler proporre alimenti sani tutela anche il valore del lavoro dei nostri agricoltori”.

“Mi complimento con il MIUR per la scelta della traccia di ambito socio-economico: “Siamo quello che mangiamo?”. Il testo proposto ai ragazzi per lo svolgimento dell’articolo è segno di una nuova sensibilità che non può che incoraggiarmi anche nello svolgimento dei miei compiti istituzionali. La centralità dell’agricoltura nelle sue più varie declinazioni rappresenta una realtà che non può che far parte del percorso educativo degli studenti italiani”.
Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano, commenta la traccia proposta per la prova di italiano per gli esami di maturità di quest’anno.
“Il fatto che tra i testi proposti ai ragazzi vi sia anche la proclamazione della Dieta Mediterranea come patrimonio immateriale dell’Umanità dell’Unesco è particolarmente significativo e vuol dire che si è compreso quanta cultura vi sia nella nostra tradizione e nelle nostre produzioni agricole e quanto sia forte il legame, virtuoso, tra questa e il settore primario. La frase del famoso filosofo  tedesco, Feuerbach, ‘L’uomo è ciò che mangia’,  così parafrasata, diventa uno spunto per riflettere sulle nuove sfide che l’agricoltura moderna deve affrontare: dal punto di vista ambientale come da quello della sicurezza alimentare come da quello dell’equilibrio tra la crescente domanda di cibo e l’offerta che a livello globale sembra non poter bastare .” 
“Partire per Parigi, dove oggi e domani si svolgerà il G20 Agricoltura, con la consapevolezza che molti degli studenti italiani riflettono sugli stessi temi che dovrò affrontare con i miei colleghi  in questa sessione di lavoro – ha concluso Romano – mi dà forza e motivo per proseguire con maggiore slancio”.

 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI