CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow L'alluvione non da tregua all'agricoltura trevigiana

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

L'alluvione non da tregua all'agricoltura trevigiana

Stampa E-mail
“Noi la Festa dell’Unità d’Italia siamo stati costretti a passarla in mezzo ai campi, anzi in mezzo all’acqua...”. Così il Presidente di Coldiretti Treviso, Fulvio Brunetta, interviene sull’ennesima emergenza da maltempo che ha colpito la Marca trevigiana e in particolare il mondo agricolo. “Ieri e oggi alcune squadre di dirigenti e funzionari di Coldiretti di Treviso hanno battuto il territorio provinciale per cercare di verificare la tenuta del sistema idraulico del territorio che sembra sempre più impotente nei confronti della tropicalizzazione climatica che riguarda anche la nostra provincia”. Alle concentrazioni intense di piovosità, ma anche prolungate nel tempo, si sono aggiunti l’umidità dei terreni che impediscono la percolazione, e il flusso delle  maree marine che a loro volta hanno impedito ai fiumi di sfociare con regolarità. Sul territorio con Coldiretti di Treviso anche il Presidente del Consorzio di bonifica Piave, Giuseppe Romano.
“Siamo certamente preoccupati perchè il fatto che qualcosa è drasticamente cambiato è stto gli occhi di tutti – continua Brunetta – Non dobbiamo certo attendere altre vere e proprie alluvioni per fare qualcosa. Vanno prese delle contromisure andando ad individuare se sono necessari nuovi interventi idraulici per difendere il territorio. Dobbiamo far sì che l’attenzione delle autorità competenti non si interessi di questi argomenti solo nelle catastrofi. Un piano di riqualificazione idraulica del nostro territorio deve essere considerata una azione di amministrazione ordinaria e preventiva del territorio”. Comunque dalle immagini in allegato si evince che, seppur circoscritte, per le singole imprese agricole che sono andate sott’acqua si tratta comunque di alluvioni. Le aree più colpite dalla pioggia di questi ultimi giorni è, come è comprensibile, la zona sud del trevigiano con dei picchi nelle aree del Piave, di Roncade, Monastier e in quella dell’opitergino mottense.  “Comunque anche questa volta l’agricoltura pagherà il conto visto che molte pratiche agricole stagionali dovranno essere ritardate complicando l’attività alle nostre imprese agricole” conclude Brunetta “Ora chiederemo delle risposte alle autorità competenti in termini di programmazione e gestione del territorio”. Qui sotto alcuni riscontri avuti dalle singole aree.  
L'alluvione non da tregua all'agricoltura trevigiana

I corsi d’acqua del Meolo, Musestre, Vallio , scolo Arnasa, e altri canali di derivazione delle acque sono stati invasi da una piena  eccezionale  che doveva essere sversata sul Sile tramite l’idrovora di Portesine nel comune di Roncade. Questa ha pompato acqua sul Sile continuamente e al limite della concessione, oltre il quale avrebbe creato problemi di esondazione del Sile sul territorio di Quarto d’Altino. Non potendo espellere oltre, l’acqua ha tracimato in vari punti gli argini dei fiumi predetti invadendo i campi del comprensorio roncadese.
Oggi i campi sono arati, erpicati e pronti per le prime semine; i danni sono di lisciviazione del terreno  superficiale che scorre via trasportato d’all’acqua; per i terreni invece seminati a barbabietole i danni saranno più ingenti e in molti casi sarà necessaria la risemina.
La situazione che è stata riscontrata è facilmente capibile dalle fotografie scattate a riprova degli eventi. La zona maggiormente colpita è a cavallo tra i Comuni di Motta di Livenza e Cessalto in particolar modo in comune di Motta di Livenza  si segnala in via Colmelle Albano l’ allagamento di 2-3 case di abitazione , mentre in via risorgimento- 1° maggio- Contarin sono stati allagati gli scantinati di case e Condomini.
Il territorio “ terreno agricolo e coltivazioni”  a cavallo della zona industriale di Motta di Livenza fino a Cessalto sono state allagate per vaste aree arrivando alla chiusura di strade minori. Ulteriori  vasti  allagamenti sono stati verificati nella frazione di Villanova.
 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI