CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Il conto alla rovescia č partito: mancano 38 giorni al G8 agricolo

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Il conto alla rovescia č partito: mancano 38 giorni al G8 agricolo

Stampa E-mail
Giuseppe De Rita, Ulderico Bernardi  e Pietrangelo Buttafuoco intervengono su Agricolturaitalianaonline, il giornale telematico del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
 
Mancano 38 giorni al primo G8 agricolo, il vertice organizzato nell’ambito del Prossimo incontro degli 8 Grandi. Obbiettivo del summit è  individuare una strategia comune a livello globale per fronteggiare le spirali dei prezzi delle materie prime agricole e per limitare l’impatto di future emergenze alimentari mondiali.
In Agricolturaitalianaonline - www.agricolturaitalianaonline.gov.it - il giornale telematico del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali diretto dal dott. Giampiero Beltotto sono state raccolte le aspettative, in merito al G8 Agricolo, espresse da alcuni protagonisti della cultura nazionale ed internazionale.
“In questo drammatico momento tutti elaborano mappe della crisi della finanza internazionale e della economia reale dei vari sistemi nazionali” ha detto Giuseppe De Rita. “Ogni mappa non serve se non si capisse cosa sta sotto ogni mappa, cioè il territorio”. Il presidente del Censis ha continuato sottolineando che “il territorio è sempre e dovunque legato all'agricoltura ed ai suoi operatori, le vere fondamenta su cui basare lo sviluppo del futuro, i grandi protagonisti delle politiche internazionali e domestiche cui dovremo mettere mano. L'elaborazione concreta di questa consapevolezza è chiaramente la sfida della prossima riunione del G8 agricolo a Treviso”.
"Perché la nostra 'casa' esca indenne da questa crisi bisogna rafforzarla dalle fondamenta: gli agricoltori. Assumendo la presidenza del primo G8 agricolo, ci prendiamo la responsabilità di tracciare una strada condivisa per uscire dalla crisi e per rispondere all'emergenza alimentare mondiale, restituendo alla produzione agricola e ai contadini il ruolo centrale che spetta loro nell'economia”. Con queste parole il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia ha voluto commentare l’importanza del primo G8 agricolo. Alcuni dei numerosi temi che verranno trattati tra il 18 e il 20 aprile al vertice di Cison di Valmarino, in Provincia di Treviso, sono l’emergenza alimentare mondiale, la centralità della produzione agricola, l'aumento della produttività dei Paesi in via di sviluppo per ridurre il divario fra domanda e offerta, il rafforzamento delle aree rurali e la lotta alla speculazione.
Ulderico Bernardi ha marcato la valenza del Summit quale  "opportunità storica per richiamare l'attenzione della grande politica sull'unica fonte di ricchezza in grado di accrescere insieme il benessere e la bellezza del mondo". E anche Pietrangelo Buttafuoco è intervenuto al dibattito sottolineando il valore della ruralità: “Perfino la grave crisi economica trova nella terra l'unico argine a favore degli ultimi. Nessuna parola cade a caso e non è un capriccio del linguaggio che la parola terra sia sinonimo di pianeta, il nostro abitare, infatti è fondato dallo stupore per il creato e dalla facondia del lavoro contadino. Solo chi tiene la zappa in mano saprà trovare un pugno di grano al mondo”. Al dibattito virtuale su www.agricolturaitalianaonline.gov.it interverranno nelle prossime settimane numerose altre personalità.
Il vertice di Cison di Valmarino vedrà la partecipazione - oltre ai Ministri dei Paesi G8 (Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, USA, Giappone, Canada, Russia) - anche del Ministro dell’agricoltura della repubblica ceca, come Presidente di turno del Consiglio UE , della Commissaria UE all’agricoltura Marianne Fischer Boel e dei Ministri dell’agricoltura dei seguenti altri Paesi: Brasile, Cina, India, Messico, Sud Africa ed Egitto (formato G5+Egitto). Verranno invitati a partecipare anche i vertici di Fao, Pam (Programma Mondiale degli Alimenti), Ifad (Fondo internazionale per lo Sviluppo Agricolo) e Banca Mondiale e dell’High Level Task Force sulla sicurezza alimentare delle Nazioni Unite, l’Unione Africana e l’Ocse.
 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI