CANTINE di MARCA

Home

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Coldiretti Treviso: Tolleranza zero con chi distrugge il made in Italy

Stampa E-mail
Tolleranza zero con chi distrugge il made in Italy o ancor peggio utilizza denaro pubblico per sostenere falso made in Italy. Coldiretti Treviso ha sposato in pieno una vera e propria operazione su base nazionale in cui la più grande organizzazione di categoria del settore primario ha chiesto “aiuto” ai comuni attraverso la proposizione di un ordine del giorno per tutelare il made in Italy e denunciare le azioni di una società del Ministero allo sviluppo economico, la Simest.
 
cibo-italiano
Realtà questa che con soldi pubblici promuoverebbe all’estero prodotti che di italiano avrebbero solo il  cosiddetto sounding. Prodotti che al contrario verrebbero realizzati fuori dai confini nazionali. La questione sollevata da Coldiretti di Treviso ha subito trovato un grandissimo riscontro nei sindaci e consigli comunali della Marca trevigiana. Ecco la lista delle assemblee cittadine che hanno approvato l’ordine del giorno divisi per zone della provincia: “Altivole, Castelcucco, Cavaso del Tomba, Crespano del Grappa, Fonte, Maser, San Zenone degli Ezzelini, Castelfranco Veneto, Castello di Godego, Loria, Riese Pio X, Codognè, Orsago, Pieve di Soligo, San Fior, San Pietro di Feletto, Santa Lucia di Piave, Susegana, Vazzola, Mogliano Veneto, Preganziol, Zero Branco, Giavera del Montello, Nervesa della Battaglia, pederobba, Trevignano, Volpago del Montello, Motta di Livenza, Oderzo, Ponte di Piave, Salgareda, San Polo di Piave, Monastier, Roncade, Maserada sul Piave, Istrana, Povegliano, Farra di Soligo, Segusino, Sernaglia della Battaglia, Valdobbiadene, Vidor, Cison di Valmarino”. “Non posso ringraziare questi sindaco, assessori e consiglieri comunali che hanno ben compreso quanto sia importante la difesa delle produzioni agricole di casa nostra. Ringrazio anche quei comuni che stanno discutendo in questi giorni l’argomento – spiega il presidente di Coldiretti di Treviso, Fulvio Brunetta -   Come abbiamo scritto nell’ordine del giorno proposto ai comuni l’export agroalimentare raggiunge quasi 28 miliardi di euro e ha segnato, anche durante la crisi, tassi di crescita del 13%. L’Italia è il Paese dei primati nell’agroalimentare: per valore aggiunto per ettaro; per la produzione e l’esportazione di Vino nel mondo; per la qualità  - vantando 231 Dop, Igp e Stg e quasi 500 denominazioni di vini Doc, Docg e Igt - per il numero di operatori nel mercato biologico.  La provincia di treviso sappiamo che è leader di queste eccellenze. Da tempo Coldiretti è impegnata in un progetto di tutela e valorizzazione del vero “Made in Italy” agroalimentare, su cui intende riportare nuovamente l’attenzione di queste amministrazioni comunali, alla luce dell’intensificarsi dei rischi di contraffazione e concorrenza sleale verso i prodotti nazionali. La diffusione di prodotti che traggono in inganno circa la vera origine geografica realizza un evidente danno all’immagine della produzione agroalimentare nazionale, raggirando i consumatori che non vengono messi in condizione di scegliere in modo consapevole”.
 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI