CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow Co.Di.Tv costi e profitti del Grano

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

Co.Di.Tv costi e profitti del Grano

Stampa E-mail

CARO GRANO QUANTO MI COSTI E QUANTO POCO MI FRUTTI


Il Presidente del Condifesa Veneto Nadal:
“I cereali vengono quotati al di sotto dei 15€/q. Perdite del 50 % per i produttori”

Si sta concludendo la raccolta dei cereali a paglia (orzo e frumento) che hanno fatto registrare produzioni oscillanti tra i 30 e i 50 quintali di granella per ettaro con una caduta libera dei prezzi,  complice fenomeno la speculazione internazionale, che ha portato entrambi i cereali ad essere quotati al di sotto dei 15€/q.
“Considerato che il costo di produzione – spiega il Presidente del Co.Di.Tv  e neo Presidente del Condifesa Veneto, Valerio Nadal – si aggira intorno ai 1.500,00 € l’ettaro e che ogni quintale è costato, a seconda della produzione ottenuta, dai 30 a 50 €, calcoliamo una perdita per il produttore pari al 50%. Sono lontani i tempi in cui consegnando ad un mugnaio un quintale di grano si aveva diritto al ritiro di un quintale di pane dal fornaio del paese. Oggi un quintale di pane, quello comune, costa 300 € e per acquistarlo dovremmo consegnare ben 20 quintali di grano. Spero – conclude il Presidente Nadal – che nessuno affermi che il costo della materia prima va ad incidere sensibilmente sul costo finale del prodotto perché, con questi prezzi, il costo della materia prima è di 15 centesimi di euro al chilogrammo che in percentuale significa il 5 %.”
La principale causa dell’insuccesso di questo raccolto va attribuita alle condizioni meteorologiche sfavorevoli: ad un inizio di primavera molto piovosa (quasi 300 mm tra marzo e aprile) che ha favorito lo sviluppo di malattie fungine, è seguito  un periodo siccitoso e caldo (per tutto il mese di maggio sono mancate le piogge e le  temperature medie sono state di almeno 2 gradi sopra la media del periodo).
Le elevate temperature nei giorni della fioritura e in quelli successivi, hanno indotto la pianta ad “abbandonare” una parte dei semi, così come le condizioni di siccità hanno determinato un anticipato disseccamento delle foglie, pregiudicando l’accumulo di amido nella cariosside.
In attesa di miglioramenti sul fronte dei prezzi, i consigli di carattere tecnico possono essere i seguenti:


1.    limitare la coltivazione ai terreni più vocati e meno soggetti al fenomeno della “stretta”, ossia ai suoli più argillosi.
2.    organizzare, quando possibile, dei contratti di filiera per la valorizzazione delle produzioni locali.
3.    cogliere le opportunità offerte dal Consorzio Difesa in campo assicurativo allo scopo di ridurre il rischio di insuccesso dovuto a cause quali: l’eccesso di pioggia, il vento, la grandine, la siccità o gli sbalzi termici.

 

 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI