CANTINE di MARCA

Home arrow Notizie arrow 27 comuni trevigiani schierati contro la pirateria del Made in Italy

Iscriviti

Newsletter di Cantine di Marca


Ricevi HTML?

 
 
Notizie RSS
feed image

27 comuni trevigiani schierati contro la pirateria del Made in Italy

Stampa E-mail
Colle Umberto e Paese sono solo gli ultimi due dei 27 comuni trevigiani che hanno deliberato in consiglio comunale l’ordine del giorno a tutela del made in Italy. Azione proposta da Coldiretti Treviso, a tutte le 95 amministrazioni comunali della Marca trevigiana, dopo che l’Organizzazione agricola trevigiana aveva condiviso una mobilitazione al Brennero con moltissimi sindaci e amministratori trevigiani. “Siamo davvero soddisfatti e grati per la disponibilità e l’interesse dimostrato dai comuni trevigiani – sottolinea Walter Feltrin, presidente di Coldiretti Treviso – Quasi un terzo dei comuni hanno già discusso e approvato l’ordine del giorno e moltissimi altri si apprestano a fare la stessa cosa. Del resto quello che vogliamo è tutelare insieme l’origine dei nostri prodotti e le scelte consapevoli dei cittadini consumatori”. L’ordine del giorno di Coldiretti diventa anche un messaggio al Ministero delle politiche agricole.
 
cucina

Ciò visto che verrà inviato direttamente dai comuni trevigiani a Roma. Nel documento si sollecita lo stesso Ministro a rispettare il regolamento comunitario per l’attuazione dell’obbligo di indicazione del paese d’origine o del luogo di provenienza alle carni suine. Inoltre, si indica la priorità di dar corso alle norme sull’etichettatura dei prodotti alimentari per garantire certezza e trasparenza ai consumatori: “Noi dobbiamo aver ben chiaro cosa stiamo per mangiare – continua Walter Feltrin – la provenienza e i metodi di produzioni devono essere chiari e ben comprensibili. Poi c’è la questione dell’utilizzo del denaro pubblico che non deve certo essere utilizzato per promuovere del falso made in Italy nel mondo. Infine, proponiamo che anche i comuni si tutelino con azioni legali contro chi copia i prodotti tipici dei loro territori. Chi spaccia falsi prodotti arreca danni importanti alle nostre aree rurali in cui vivono e lavorano artigiani, agricoltori e commercianti che hanno fatto grande il made in Italy”. Ecco quali sono i comuni trevigiani che fino ad oggi hanno approvato l’ordine del giorno di Coldiretti di Treviso a favore del made in Italy:  

Asolo, Borso del Grappa, Cavso del Tomba, Borso del Grappa, Crespano del Grappa, Fonte, Castelcucco, Maser, Monfumo, Possagno, Riese Pio X, San Pietro di Feletto, Santa Lucia di Piave, Casale sul Sile, Cornuda, Pederobba, Volpago del Montello, Gorgo al Monticano, Oderzo, Casier, Istrana, Ponzano Veneto, Quinto di Treviso, Valdobbiadene, Vittorio Veneto, Paese, Colle Umberto.
 
 
< Prec.   Pros. >
Cantine di Marca fornisce un supporto fondamentale sia per i produttori di Vino che vogliono proporsi in maniera efficace nel Web
che per i consumatori che desiderano scoprire le Cantine e i Vini Veneti.

Non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e le reperibilità dei materiali e dell' amministratore.
Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7/03/2001.
Progetto Cantine di Marca

Tutti i marchi sono regolarmente registrati presso il Tribunale di Treviso.

I servizi di Cantine di Marca comprendono: Turismo, Promozione, Marketing Territoriale e Offerta Turistica per le Aziende Vitivinicole Venete.

HOME - NOTIZIE - CANTINE TREVISO - CANTINE VERONA - CANTINE VENEZIA - CONTATTI