Prima riunione sulle problematiche ambientali dell'area del Prosecco Docg

Si è svolta in Provincia la prima riunione della “task-force” sulle problematiche ambientali dell'area del Prosecco Docg, al quale hanno preso parte la Provincia di Treviso (quale ente di coordinamento), i Comuni di Cison di Valmarino, Colle Umberto, Conegliano, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, San Pietro di Feletto, San Vendemiano, Susegana, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio Veneto, Ulss 7 e 8, Arpav e Comunità Montana Prealpi Trevigiane.
prosecco.jpg

Alla base della discussione: trovare un punto comune tra istituzioni concrete, condivise e sostenibili sia dal punto di vista ambientale che economico del territorio interessato. La base di partenza è il regolamento di “Polizia Rurale” predisposto dai Comuni coinvolti, che tra le voci include anche il regolamento dei fitofarmaci. Nella riunione di oggi, si è parlato in particolar modo della gestione dei tralci di vite, tema sul quale si è proposta una regolamentazione intransigente.“La riunione è stata senz'altro positiva, perché abbiamo lavorato su un terreno comune e condiviso, frutto di esperienze maturate negli anni sulla tematica – ha detto Alberto Villanova, assessore provinciale all'Ambiente – ci è stato dunque facile mettere sul piatto della discussione idee concrete e sostenibili, sia dal punto di vista ambientale che economico, a tutela dei nostri cittadini e del nostro territorio”.