Turismo in aumento nel Veneto, primi dati incoraggianti

Tra gennaio e marzo gli arrivi sono cresciuti dell’8,5 per cento. Il numero di ospiti che ha scelto il Veneto assomma già a 1.958.416 unità e, di questi, oltre un milione sono di turisti provenienti dall’estero (+ 11,4 per cento; ai primi posti, nell’ordine: francesi, inglesi e statunitensi). In aumento del 4,1 per cento anche i pernottamenti; 5.493.755), dei quali 2.686.314 sono stati generati da turisti provenienti dall’estero, con una crescita del 5,4 per cento rispetto agli stessi mesi del 2010.
prosecco-valdobbiene_collline.jpg
Di massima, a causa di eventi importanti la cui data è mobile, come la Pasqua, i risultati del primo trimestre non sempre sono comparabili da un anno all’altro. “Anche questa volta è così – commenta Finozzi – però in una prospettiva ancora più interessante per noi, visto che le Palme, Pasqua e Pentecoste, si sono svolte da aprile in poi e sono importanti per gli ospiti stranieri, soprattutto tedeschi. Di sicuro è significativo l’andamento delle città d’arte (+12,6 per cento di arrivi e +9,4 per cento di pernottamenti) e del sistema termale (arrivi +9,7 per cento, presenze +3,4). Non male anche la montagna, dove gli arrivi sono cresciuti dell1,2 per cento, ma con un lievissimo slittamento (-0,1 per cento) nelle presenze”.
Bene le performance degli agriturismi (+19,8 per cento di presenze, ma anche degli alberghi a 5 stelle o di lusso (+14,6 per cento di presenze), mentre viene confermata ancora una volta la disaffezione per le strutture ricettive meno qualificate (gli alberghi da 1 o due stelle fanno registrare un calo di presenze del 3,6 per cento e del 6,2 per cento negli arrivi).